Élisabeth Vigée-Le Brun vs Maria Callani: due pittrici a confronto

Mercoledì 8 marzo alle 17.30, per la Festa della donna 2017, il Complesso Monumentale della Pilotta rende omaggio al pubblico femminile con la presentazione delle opere di due protagoniste della pittura europea tra Sette e Ottocento, Élisabeth Vigée-Le Brun  (1755-1842) e Maria Callani (1788-1803), a cura di Maria Cristina Quagliotti.

Per l’occasione, infatti, verranno temporaneamente esposti due piccoli ma affascinanti ritratti, solitamente conservati nei depositi della Galleria Nazionale e non visibili al pubblico che consentiranno di mettere a confronto due pittrici che hanno manifestato linguaggi espressivi molto diversi, pur essendo pressoché contemporanee.

inv 0347 vigèe le brun-ritratto figlia                                       inv 0614 callani-autoritratto

La prima, Élisabeth Vigée-Le Brun, avviata alla carriera artistica dal padre, acquisì grande fama come ritrattista della regina Maria Antonietta ed ebbe rapporti con i membri più illustri dell’Ancien Régime.

Costretta a fuggire da Parigi, durante il suo esilio giunse a Parma dove nel 1792 fu accolta come accademica d’onore. Proprio  in quella occasione, come era consuetudine, donò il piccolo ritratto della figlia, oggi in Galleria Nazionale.

Anche Maria Callani, figlia del noto pittore parmense Gaetano Callani, ricevette la sua prima formazione nella bottega paterna, proseguendo gli studi nell’ambiente artistico milanese, che la portarono a maturare un linguaggio pittorico improntato al nascente neoclassicismo. Mancata prematuramente a soli 25 anni, di lei restano solo poche opere. Nonostante la giovane età questo autoritratto, datato 1802, la mostra pienamente consapevole del suo ruolo artistico e sociale, come confermato anche dalla scritta autografa inserita dalla Callani nel bordo interno della veste.

Appuntamento mercoledì 8 marzo alle 17.30 all’ingresso della Galleria Nazionale. L’iniziativa è gratuita ed è compresa nell’ingresso ai musei del Complesso della Pilotta.

Ingresso gratuito per le donne durante tutta la giornata nei musei statali, a pagamento con biglietto ridotto pomeridiano di € 5,00 per gli uomini.

 Per informazioni: tel. 0521 233309; e-mail:cm-pil@beniculturali.it

Amici della Pilotta

Amici della Pilotta è una associazione culturale nata per volontà di un gruppo di appassionati d’arte con lo scopo e la missione di sostenere e promuovere i siti espositivi dipendenti dalla Soprintendenza per i Beni Artistici di Parma e Piacenza.

Segnaletica_KV_DRAFT-01

Contatti

tel: + 39 0521 233309 – 233617

fax: +39 0521 206336

email: cm-pil@beniculturali.it

posta certificata: mbac-cm-pil@mailcert.beniculturali.it

Aggiornamenti da Facebook

Sono emersi dai sotterranei del Complesso Monumentale della #Pilotta tre importanti busti di illustri personaggi della storia di #Parma raffigurati in terracotta a grandezza maggiore del naturale. Caduti nell'oblio dopo aver adornato per molti anni lo scalone del Palazzo sono stati recuperati dal nuovo direttore del Complesso, in carica da due settimane, Simone Verde. Chi sono i personaggi raffigurati? Per saperne di più consulta la notizia sul nostro sito al link parmabeniartistici.beniculturali.it/wp-admin/post.php?post=3976&action=edit ... See MoreSee Less

7 hours ago  ·  

View on Facebook

Aiuto, c’è un mostro al museo! Domenica 21 maggio alle 10.30 la Festa dei Musei al Complesso della Pilotta è dedicata ai bambini e alle famiglie. Quante sono le creature misteriose e fantastiche si nascondono fra le sculture, i dipinti ed altre opere conservate nelle sale della Galleria Nazionale di Parma? Bestie feroci, draghi e figure mitologiche sbucano tra le immagini di santi, re e cavalieri e arrivano perfino a popolare le mattonelle di un antico pavimento. Armatevi di coraggio e venite a sentire le loro storie. (Ingresso gratuito per i bambini; ridotto € 5,00 per gli adulti che accompagnano).
#FestadeiMusei2017 | #FDM2017 | #FestadeiMusei | #museincontesXt | #Culturaèpartecipazione #Pilotta #Parma
... See MoreSee Less

3 days ago  ·  

View on Facebook