Info

Nella calcolata e sapiente orchestrazione compositiva, tutta giocata sulla diagonale nella quale si dispongono i protagonisti della storia sacra, ciò che soprattutto colpisce, come sempre in Correggio, è la straordinaria naturalezza e il profondo senso d’umanità che promana dalle figure divine, quella sottolineatura degli affetti che sarà uno degli ingredienti fondamentali della fortuna dell’artista in età barocca.

Più Info

Antonio Allegri, detto il Correggio (Correggio, agosto 1489 – Correggio, 5 marzo 1534)

Riposo durante il ritorno dall’Egitto, detta Madonna della scodella 1530

Olio su tavola, cm 218 x 137

Provenienza: Parma, Chiesa di san Sepolcro

Inventario N. 350

 

La scodella, nome grazie al quale l’opera è diventata celebre, è l’oggetto con cui la Vergine attinge all’acqua dalla fonte miracolosa nel deserto per dissetare il figlio, ormai grandicello, mentre dall’altra parte del dipinto Giuseppe ha appena colto i datteri dalla palma e glieli sta porgendo per sfamarlo. Sul fondo si intravede l’angelo che lega all’albero lo stanco asinello, mentre in alto è un tripudio di angeli su nuvole irrorate da un caldo lume dorato, una luce divina che sembra pervadere tutto il dipinto.

Con Correggio si sviluppa una umanizzazione del sacro, che non deve essere confusa con la semplicità: anzi, il soggetto del dipinto, commissionato dalla Confraternita di San Giuseppe, che aveva il patronato su una cappella della chiesa parmigiana di San Sepolcro (dove la pala era in origine collocata), è assai peregrino, e rappresenta non tanto la tradizionale Fuga in Egitto, quanto il Riposo durante il ritorno dall’Egitto, come è evidente dall’età più matura del Bambino, e deriva da un passo del Vangelo apocrifo dello Pseudo Matteo: appare chiaro l’intento dei committenti di conferire un particolare risalto alla figura di Giuseppe, che in effetti domina tutta la metà destra della composizione.

CURIOSITA’

Il superbo coro di angeli in alto mostra una forte somiglianza con gli angeli della cupola del Duomo di Parma, che in quegli stessi anni il pittore stava affrescando.