Info

Piccolo dipinto da cavalletto dove l’artista coniuga sensibilità  paesaggistica di stampo nordico, ritmata su accenti tardo manieristici e l’incanto della campagna romana, colta dal vivo con le sue lontane trasparenze e l’improvviso affacciarsi di borghi e conventi.

Più Info

Paul Brill (Anversa 1554 – Roma 1626)

Paesaggio boschivo con animali, un torrente e un convento, 1598

Olio su rame, cm 19 x 24

Provenienza: Parma, collezione Sanvitale, 1834

Inventario N. 250

 

Delizioso quadretto dalle tonalità verdi e azzurrine, che rappresenta un boschetto abitato da animali e attraversato da un corso d’acqua in primo piano sulla sinistra,  assieme a diverse rovine in pietra  con una costruzione sullo sfondo, che sembra indicare un piccolo monastero.

Il quadretto, firmato e datato, non presenta problemi di collocazione e si inserisce nella produzione del Brill. Il pittore, giunto a Roma alla fine degli Anni settanta, per raggiungere il fratello Matthjis che lavorava in Vaticano, dopo un periodo di intensa produzione di affreschi, ritorna allo scadere del secolo alla sua originaria formazione fiamminga, creando quadri da cavalletto come il presente  “Paesaggio boschivo con animali, un torrente e un convento”.

CURIOSITA’

A Berlino esiste un disegno dello stesso soggetto, firmato Paul Brill, datato in maniera leggibile solo per le prime tre cifre, 159, che viene ritenuto opera preparatoria del quadro.